Comune di Occhiobello – Concorso di Idee

– Riqualificazione di Via Eridania Zona Commerciale –

SECONDO CLASSIFICATO

La proposta progettuale, avente come obiettivo principale la riqualificazione dell’asse di ‘Via Eridania’ e la conseguente valorizzazione dell’area commerciale e produttiva da essa servita (Distretto Eridania), riguarda un ambito territoriale localizzato nel Comune di Occhiobello (11.979 abitanti al 2015 – dato Istat – situato in Provincia di Rovigo, ma molto vicino al Comune di Ferrara) immediatamente a Nord dell’area golenale del Fiume Po, in corrispondenza dello svincolo
Autostradale della A13 (Bologna – Padova, uscita Occhiobello) e costituisce una importante‘strada mercato” che si estende su una lunghezza di circa 1.800 metri, a cavallo tra il nucleo urbano di Occhiobello e la frazione di Santa Maria Maddalena, in un’area di rilevante valore ambientale e paesaggistico.
Il Distretto Eridania è costituito da un insediamento di tipo commerciale ed artigianale con una forte identità e di grande rilevanza territoriale, tuttavia, ai fini del Concorso, sono state individuate ed identificate una serie di criticità ed opportunità che possono avere una grande importanza dal punto di vista progettuale.

Allo stato attuale, il principio insediativo (strada mercato) che struttura il Distretto è caratterizzato da una infrastruttura viaria che serve una mobilità prioritariamente automobilistica di accesso alle attività economiche localizzate sull’asse di Via Eridania; gli spazi di incontro e aggregazione coincidono con gli spazi chiusi all’interno di ogni singolo centro commerciale, gli spazi pubblici all’esterno sono degradati e svolgono il solo ruolo a servizio della mobilità carrabile agli spazi di parcheggio e spesso si configurano come ritagli di terreno de-funzionalizzati e privi di un utilizzo e caratterizzazione formale qualificata.
Lo schema proposto, invece, suggerisce un nuovo modello: un principio insediativo basato su un grande spazio pubblico lineare strutturante, costruito intorno a Via Eridania, che ospiti un viale pedonale attrezzato su entrambi i lati della strada, dotato di percorsi ciclabili, aree per incontro e aggregazione dei cittadini, che connetta tutte le attività economiche (anche retrostanti) e gli spazi di valenza ambientale limitrofi. L’obiettivo è incentivare, strutturare e dare qualità alla vitalità urbana che spesso è chiusa all’interno di edifici commerciali, i quali non avranno un danno economico, ma una grande valorizzazione di immagine e qualità architettonica, poiché inseriti all’interno di uno spazio pubblico qualificato.
Il concetto generale che ha conformato lo Schema d’Assetto è la reinterpretazione delle caratteristiche funzionali e morfologiche della ‘strada mercato’ esistente, al fine di rendere più attrattivo, funzionale e bello l’intero Distretto.
Lo Schema d’Assetto si configura, quindi, come disegno generale, una struttura di massima per favorire la definizione delle relazioni dello spazio pubblico strutturante con l’intero ambito e che vada ad inquadrare ed inserire all’interno di una struttura urbanistica unitaria, chiara e coerente i modelli di intervento che verranno successivamente definiti.